Month: March 2012 (Page 1 of 4)

SOPHIA: Gioiosa sofferenza

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Sophia, perché dono di Dio, non è e non sarà mai riducibile alle parole di uno studente o professore. È molto di più.

Qualsiasi giudizio su questa realtà bisogna essere ascoltato, misurato e preso sul serio perché “frammento” che comunica un tutto.

Ho scritto da studente nel “Fine dell’esperienza a Sophia”, parole magari “dure”, “non necessarie” (?), ma soprattutto SINCERE. Certamente non è tutta Sophia perché nella realtà percettibile, per ognuno c’è sempre un qualcosa “non comunicabile”, non esprimibile, che si scopre qua, vivendo.

…. E posso dire che Sophia l’ha vissuta.

Bene o male c’ero in ogni momento e non sono mai rimasto zitto quando vedevo che qualcosa si scontrava con quel “progetto” che costruivo, pian piano, dentro di me.

Inoltre, anche nella fatica di quest’esperienza, Sophia mi ha dato tanto. Soprattutto gioia. Non quella che sfugge passati pochi minuti, ma gioia vera, gioiosa sofferenza.

Sono i volti di questi video…. il ricordo di ogni chiacchierata, ogni bel rapporto costruito, che rimarrà… Ogni rapporto vissuto profondamente impegnato nello studio, ma anche nella vita.

Questo video dice più di ogni parola ed è un immenso grazie a quelli con cui ho vissuto i miei due anni a Sophia.

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=DrTppu-hwN0]

Fine dell’esperienza a Sophia

Fra qualche giorno io concludo una delle ultime tappe della mia esperienza a Sophia.

Quasi due anni fa sono partito dal mio paese, lasciato carriera, famiglia, cultura, credendo (e ancora ci credo) in questo progetto profetico e necessariamente “pericoretico” di VITA e Studio.

Passato questo periodo intenso, mi rendo conto di che sono arrivato con un bagaglio più pieno di esperienze di vita che maturazione intellettuale. Già nella mia prima scelta universitaria ho deciso di trovare un posto che mi formassi un giornalista essenzialmente umano, capace di guardare le relazioni e, solo dopo, con l’esercizio intellettuale, trovare i concetti capaci di universalizzare i tentativi personali di sintesi.

Sophia invece mi ha dato le basi che non ne avevo. Mi ha fatto conoscere una dimensione della mia esistenza, dell’ESSERE, che ancora non conoscevo profondamente.

Incontrare Dio, che pensavo esistere soltanto nei rapporti, attraverso lo studio è stato il dono più grande ricevuto da quest’esperienza. In ciò è stata “relativizzata” la certezza di che è la vita il più importante. “Vivere per capire”, però anche “Capire per vivere”.

Stare qua mi ha spinto a non guardare mai in maniera dualistica o dialettica la realtà. Il paradigma trinitario mette la relazione tra gli opposti non soltanto come fine, senso interiore della mia esistenza, ma come metodologia: “occhiale” che permette vedere il mondo da una nuova prospettiva, da riscoprire in ogni momento e durante tutta la vita.

Questo è il bello di Sophia, ma c’è anche un’altra dimensione.

Da quando sono arrivato a Loppiano avevo chiaramente dentro di me il desiderio di adesione a quello che Sophia si propone. Non soltanto superare con eccellenza gli esami, ma avere la stessa esigenza in tutti ambiti della vita: Pulire un bagno bene, cucinare, aver pulita la stanza e soprattutto costruire rapporti profondi, con la stessa passione che scoprivo mentre conoscevo meglio Aristotele, Galileo Galilei, Paolo di Tarso…

Però, qui, mi sono anche reso conto che, la reciprocità che il progressivo percorso di presa di coscienza intellettuale ci porta non si applica medesimamente nei rapporti umani.

Aderire a un progetto così utopico, intenso e psicologicamente problematico come quel di Sophia, ha chiesto di me, che sono cresciuto in una logica di scambio comunitario, una fatica enorme, ma immagina per quelli che non avevano mai fatto una esperienza del genere?

Nello studio l’incomprensione fa parte del percorso gnoseologico. Nella vita la “non relazione”, sperimentata nella pelle, ha delle conseguenze più dure, non solo per se stesso ma per tutto il contesto comunitario.

Vivere esige non solo il confronto con se stesso, ma ti mette davanti ad un vero ALTRO, che essendo fondamentalmente libero, determina – con le sue scelte – il contenuto della relazione, dell’esperienza nel suo Tutt’uno. Questo per me è stato il dramma di Sophia in quest’ultimo anno.

Sottovalutare lo sviluppo delle complessità di quest’aspetto ha messo l’università in una situazione di crisi, mettendo in questione un progetto formativo che è di STUDIO, ma parimente di VITA.

L’ammissione di soggetti che non hanno aderito profondamente questa sfida, senza un accompagnamento personale continuo, insieme alle difficoltà economiche che hanno fatto crollare le strutture che sostenevano l’ambiente “relazionale”, ha promosso una situazione estremamente difficile e di un livello di gravità conflittuale impensabile.

Io, personalmente, mi accorgo che l’esaurimento fisico e psicologico è arrivato al limite e anche se comunque mi sento chiamato a vivere fino in fondo anche queste difficoltà dovrò partire per motivi essenzialmente economici.

Dovendo pagare più di tre volte ciò che avevo pagato al primo anno di studio e non potendo assumere queste spese e neanche Sophia incontrando un’alternativa, ho deciso di proporre (avendo gli esami a posto) di scrivere la mia tese in Svizzera.

In questo modo, all’improvviso, finisce la mia esperienza da abitante ordinario.  

Certamente sono contento della decisione, tanto per avere la tranquillità psicologica nel finire le tappe conclusive dello studio (ultimi esami e tesi), quanto di poter stare vicino a Flavia in questo momento di preparazione per il nostro matrimonio. Ma entrambi sono provvidenze, impreviste, però accolte con gioia da me e da lei.

Ma infine, cosa rimane di Sophia oltre alle scoperte e la stanchezza? I rapporti.

Culturalmente, le difficoltà mi hanno sempre servito come richiamo ai rapporti. A Sophia sono stati i tanti momenti di comunione profonda, aiuto reciproco, scambio interessato di vita, che mi hanno sostenuto sempre, ridimensionato l’esperienza e dato forza per non mollare, ricominciare, avere misericordia, amare.

Questa è la ricchezza più grande che porto con me… segno sicuro di che è veramente possibile superare tutto se in qualche grado della nostra vita entriamo profondamente in rapporto con l’altro. Le persone, quelle che vogliono stare in relazione, sono state fonte infinita di Luce, di gioia, di sollievo.

Parto felicissimo di andare via, ma triste di non avere più la possibilità di far crescere (attraverso la presenza corporea) i rapporti costruiti. Però, dove ci sono persone, c’è sempre l’opportunità di pericoresi. Ora tocca La Svizzera.

Testamento 2012 – Conoscere per amare veramente

Per tanto tempo io ho immaginato che il miglior anno della mia vita sarebbe stato quando avrei compiuto i miei 23 anni – età in cui pensavo che mi sarei sposato.

Però il Kairòs (tempo giusto) segue un percorso che è poco cronologico, ma che evidenzia lo Scultore che lavora la nostra vita con cura.

Ecco che finalmente, con 28 anni ormai compiuti, posso dire che vivo il momento più bello della mia vita.

So che è cosi perché sento dentro di me rafforzare i legami con la mia terra, la cultura, la famiglia, senza mai chiudermi alla possibilità di aprirmi agli altri, di amarli e conoscerli.

Conoscere per me non è fare fisicamente le esperienze, ma l’essere cosciente che la realtà, frutto della vita fisica (presenza corporea) è quella più capace di fondamentare i concetti elaborati dalla ragione.

L’intelletto è invece la capacità di vuoto, di far spazio a qualche cosa di inesprimibile, incomunicabile, solo “vivibile”.

Questa è senza dubbio la ricchezza interiore più preziosa in questo periodo della mia vita. Vivere con tutto l’essere la realtà che voglio comunicare, studiare, analizzare = conoscere.

Perciò è importante essere accanto alle persone che voglio bene: la famiglia, i veri amici e Flavia – la mia compagna di viaggio e dono più grande tradotto in due massime: LIBERTA E GIOIA.

Se questo fosse il mio ultimo anno in questa terra, vorrei viverlo ogni secondo insieme a lei, cercando di offrire l’intensità, semplicità e verità del nostro amore agli altri.

Le cose materiali vorrei che siano tutte donate ai fratelli bisognosi, non per solidarietà, ma perché in ciò possano anche sentire l’Amore che io ho sempre ricevuto in abbondanza.

Ho tante attese per questo nuovo anno, ma soprattutto spero viverlo glorificando il Dio che mi ha regalato il dono di poter essere qui.

Page 1 of 4

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén